COLOCASIA (Colocasia Esculenta, Taro)

Pubblicato: 07/02/2013 10:38:40
Categorie: Curiosità

COLOCASIA (Colocasia Esculenta, Taro)

Habitat:

Pianta della famiglia delle Araceae comunemente conosciuta con il nome di origine polinesiana Taro. La sua coltivazione è diffusa in zone tropicali di tutti i continenti e rappresenta una base alimentare di particolare importanza per popolazioni sudamericane, africane o asiatiche. Tra i principali produttori si annoverano, nell'ordine, la Nigeria, il Ghana, la Cina, la Cambogia, la Costa d'Avorio e la Papua Nuova Guinea. Rimarcabili, in rapporto alle dimensioni delle superfici ha costituito una pianta essenziale per la dieta degli indigeni per secoli.

Descrizione:

La Colocasia viene coltivata anche come pianta d’appartamento e, nelle regioni con clima temperato può essere posizionata anche sulle rive di laghetti o altri specchi d’acqua; può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. Le foglie di questa pianta hanno forma di cuore allungato, sono di grandi dimensioni e particolarmente decorative, quasi sempre presentano un contorno ondulato. Le infiorescenze della Colocasia Esculenta sono formate da una spata composta da fiori circondata da una brattea (foglie trasformate che proteggono il fiore e il frutto dal gelo e dai parassiti). Presenta dei tuberi simili alla patata e con i rizomi viene prodotta una farina; questi rizomi possono avere colore rosso oppure bianco e sono caratterizzati da un sapore molto particolare che può essere apprezzato oppure no, la polpa si presenta di colore rossiccio oppure chiaro.

Usi in cucina:

La radice, se mangiata cruda, è particolarmente tossica ma, a cottura ultimata, fornisce elementi nutritivi simili a quelli della patata, con maggior presenza di ferro e calcio e con un buon apporto di potassio, si deve fare attenzione a non toccarsi gli occhi dopo averne toccato la polpa perché può causare forti irritazioni. Secondo recenti ricerche i rizomi della taro sono un'importante fonte di amidi rispetto a tutti gli altri vegetali, anche per la dimensione stessa dei granuli di amido 10 volte inferiori a quelli della patata che rendono migliore cottura e digeribilità. Tubero Colocasia

Con i rizomi si produce la farina e da essi si ricava un amido particolarmente indicato come lenitivo in medicina e come ingrediente per rendere la plastica biodegradabile in ambito industriale. Ecco alcuni impieghi dei rizomi della colocasia esculenta. Si può tagliare a pezzi e bollirlo in acqua salata e mangiarlo come una patata lessa; oppure può fungere da contorno per pesce e carne. Lo si può cucinare anche come un purè oppure friggerlo come facessimo le classiche patatine. Uno studio effettuato presso le popolazioni che si nutrono abbondantemente di queste radici, ha dimostrato che essi hanno un’incidenza minore a sviluppare carie e infezioni gengivali, ma anche malattie come polmonite, enterite(infiammazione intestino tenue) e diarrea.

Clicca QUI per visualizare il prodotto!

Condividi

Aggiungi commento

 (con http://)